Here’s Why Baku, Azerbaijan Deserves a Spot on Your Bucket List

Photo by Ramilaliyev79/Depositphotos

Azerbaijan probably isn’t one of the former Soviet countries you’re thinking of visiting any time soon, but it’s definitely worth a shot. Its capital Baku has much more to offer than most tourists expect, and here’s a couple of reasons why it deserves a spot on your bucket list.

Pretty Cheap

If you’re short on money, but still want to explore a new country, Azerbaijan is one of the most affordable options out there. Accommodation, transport, food, and souvenirs aren’t expensive, and this trip will be pretty easy on your wallet.

Stunning Old Town

Baku will surprise you with its stunning mix of traditional and modern architecture, but Old Town is the best place to explore its rich past and truly experience the city in its best light.

View this post on Instagram

🌿 A.4 e 5 Azerbaijan Non abbiamo neanche finito la lettera A che inizio a barare. Proprio così, perché tra Armenia e Azerbaijan c'era lo stato cuscinetto dell'Austria, di cui, vi giuro, non ho nessuna foto. E il motivo è uno solo e triste, per giunta: qualche anno fa mi entrarono i ladri in casa, rubando tutto, computer con su tutte le foto antecedenti quella data incluso. Quindi niente Salisburgo, si tira dritto fino a Baku. Che è una città che ancora mi lascia perplessa, come tutte le grandi città vetrina delle dittature dei nostri tempi. Dove ci sono grandi opere e prati verdi nel deserto c'è qualcosa che non va. A Baku ho visto la nebbia malsana che esala il Caspio, l'umido viscido dell'inverno mediorientale, i palazzi fin de siecle del boom petrolifero, le ruspe che radono al suolo le chrushchëvki e le opere surreali firmate da grandi archistar. Tutto questo non ha senso, specialmente se alloggi in una minuscola casa per studentesse col bagno che perde. Tutte le loro energie convogliate in un solo obiettivo: andare a studiare all'estero, in Italia, precisamente. E un solo ostacolo tra loro e la lettera di accettazione delle università: il visto italiano, che nella stragrande maggioranza dei casi viene rifiutato. Ne ho visti un po', di studenti in coda all'ambasciata italiana, perché MamaAfrika aveva perso il passaporto appena uscita dall'aeroporto e praticamente in quella malcapitata ambasciata ci siamo accampate per 3 giorni, una specie di sit in molesto perché ci dessero il nuovo passaporto in tempi più brevi. Questa e altre leggendarie storie (si sa che dalle sfighe peggiori nascono i racconti migliori) sul blog. A Baku non so se tornerò. Però vi giuro che mi riempie di gioia seguire le avventure europee delle mie amiche azere. L'Italia non le ha accettate, ma qualche altro paese dell'Unione sì: un piccolo passo verso un Azerbaijan migliore, chissà. . . #baku #azerbaijan #flametowers #flametowersbaku #bakuaz #caucaso #caucasus #bakuoldtown #passionpassport #mytravelgram #mytinyatlas #aquietbeauty #aquietplace #neverstopexploring #roamtheplanet #discover_vacations #natgeoadventure #neverstoplearning #worldbook

A post shared by Eleonora ~ Pain de Route (@painderoute) on

Modern Buildings

If you prefer the wonders of modern architecture, Baku also has a lot to offer. The Flame Towers are one of the city’s most recognizable landmarks, and they can be seen from pretty much any spot in the city.

Beautiful Nature

If you prefer spending your time in nature, you’ll find everything your heart desires only an hour away from Baku – in breathtaking Gobustan National Park.

View this post on Instagram

Qobustan💙🧡

A post shared by Gulnara Shigapova (@gulnarashigapova) on